Giovedì, 02 Luglio 2020 08:43

LA DIDATTICA A DISTANZA NELLA SCUOLA PRIMARIA “M. VENTRE” DI GRANZETTE AL TEMPO DEL COVID-19

Scritto da

Con il diffondersi della pandemia da COVID-19 in tutto il mondo, la vita di tutti è cambiata: distanziamento sociale, chiusura delle scuole, cancellazione di tutti gli eventi in presenza, al fine di evitare assembramenti e il conseguente potenziale espandersi del virus.

Di fronte a tutto ciò la scuola ha dovuto riconfigurare le proprie pratiche lavorative e didattiche on-line, avviando la Didattica a Distanza ( DaD): le aule, le lezioni, le voci dei bambini, i libri e i compiti sono diventati virtuali. Uno stravolgimento completo che ha trasformato la realtà in realtà virtuale e aumentata. La programmazione delle attività DaD ha richiesto un approccio creativo tenendo conto della complessità del processo di apprendimento. Gli alunni sono stati messi in condizione di poter apprendere in autonomia, sfruttando al massimo le potenzialità multimediali con lo scopo di raggiungere tutti e di sentirsi seguiti, attraverso videolezioni programmate per le classi 3^-4^-5^; per la classe 1^ le insegnanti hanno preferito, vista la tenera età dei bambini, inviare tramite canali ufficiali ( REGISTRO ELETTRONICO, mail di GSUITE FOR EDUCATION) lezioni registrate, a volte anche interpretando personaggi fantastici per rendere più piacevole e accattivante la lezione.; utilizzando il registro elettronico per l'nvio e la restituzione dei compiti, ma anche messaggi scritti e audio tramite l' applicazione whatsapp proprio per “raggiungere tutti nessuno escluso!".

Anche quest’anno scolastico si è concluso, non senza tanta fatica da parte di docenti, genitori e alunni...

Un ultimo giorno di scuola vissuto attraverso uno schermo di computer… ma non sono mancate… le lacrime nel potersi vedere tutti insieme alunni e insegnanti; un saluto agli alunni di classe quinta che spiccano il volo verso la scuola secondaria di primo grado...la speranza nel cuore per tutti di potersi presto riabbracciare in classe…

Letto 30 volte